• alt text

 

Yoga Posturale

Di cosa si tratta?


Di un percorso di risveglio consapevole, allungamento, rieducazione e rigenerazione posturale e respiratoria, basato sui princìpi Hatha e Ashtanga Yoga.

In cosa consiste la Pratica?


In sequenze ed esercizi mirati, attivi e passivi, anche di tipo respiratorio, per tonificare e rinforzare la muscolatura più profonda, restituendo un portamento più fisiologico e correggendo le cattive abitudini posturali.

La pratica viene proposta principalmente ad intensità e difficoltà medio-alte. In gruppo è adatta a persone allenate e senza particolari problematiche fisiche. In modalità individuale può essere modulata sulle esigenze personali.
Si pratica con particolare attenzione agli aspetti di rieducazione posturale e potenziamento muscolare profondo.

Si intenda come una ginnastica con e senza sovraccarichi e resistenze, con e senza attrezzi, finalizzata alla salute e al fitness attraverso la metodologia dello Yoga.

Cosa mi può accadere?


Sono impressionanti e potenti i cambiamenti fisici e mentali che la pratica continuativa dello Yoga produce nelle persone che sanno ascoltare i messaggi e cogliere i cambiamenti del proprio corpo.

Man mano che si prosegue con costanza, il corpo diventa più forte e la mente elabora e memorizza: i codici posturali errati vengono sostituiti da quelli corretti, suggeriti dalla pratica, e diventano naturali.
A questo punto non serve più, ad esempio, ragionare su come bisognerebbe sedersi: lo sappiamo e basta! La pratica entra nel quotidiano e ci cambia la vita!

E la Meditazione?


Il respiro diverrà il veicolo potente della nostra consapevolezza e nutrirà la pratica degli asana (posture, posizioni), trasformando il nostro corpo nell’oggetto delle nostre meditazioni.

Il lavoro proposto suggerisce di meditare con il corpo attraverso la pratica della percezione sottile del respiro e degli strati più profondi della materia corporea.

Attraverso la conoscenza profonda di come siamo fatti e la guida potente del respiro consapevole, potremo in seguito sperimentare una meditazione più intima e astratta, slegata dal corpo fisico.